ENTE

 Sindaco
 Segretario Comunale
 Giunta
 Consiglio
 Difensore Civico
 Commissioni
 Consulte
 Codice
  Di Comportamento
 Societa' Partecipate
 Elenco Incarichi Esterni
 Amministrazione Aperta
  DL 83/2012 art 18
 Spese di rappresentanza
 Ai sensi d.l.138/11 art.16
 Richieste durc
 
P.E.C.

AREE E SETTORI

 Area Finanziaria
 Affari Generali
 Area Tecnica
 Polizia Municipale

ATTI COMUNALI

 Statuto del Comune
 Regolamenti
 Delibere di Giunta
 Delibere di Consiglio
 Atti question time
  Delibere del
  Commissario
 Direttive - Decreti
 Atti Vari

CONSIGLIO COMUNALE
DEI RAGAZZI

 Giunta
 Consiglio

FORUM DEI
GIOVANI

 Costituzione e notizie
 Elezioni 2015
 Elezioni 2010
 Le Notizie
 Atti del forum

NORMATIVE

 Costituzione Italiana
 Leggi regionali
 Bollettino Ufficiale
 (BURC)

Arbitro Bancario Finanziario

L'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) e' un sistema di risoluzione delle liti tra i clienti e le banche e gli altri intermediari che riguardano operazioni e servizi bancari e finanziari. E' detto stragiudiziale perche' offre un'alternativa piu' semplice, rapida ed economica rispetto al ricorso al giudice, che spesso invece comporta procedure complesse e anche molto lunghe.

L'ABF e' un organismo indipendente e imparziale che decide in pochi mesi chi ha ragione e chi ha torto. E' un sistema nuovo da non confondere con la conciliazione o con l'arbitrato.

Le decisioni non sono vincolanti come quelle del giudice ma se l'intermediario non le rispetta il suo inadempimento e' reso pubblico.

Il cliente puo' rivolgersi all'Arbitro solo dopo aver tentato di risolvere il problema direttamente con la banca o l'intermediario, presentando a essi un reclamo. Se non rimane soddisfatto neanche delle decisioni dell'Arbitro, puo' comunque rivolgersi al giudice.

La procedura di ricorso all'ABF e' avviata dal Prefetto che, a tal fine, trasmette alla Segreteria Tecnica del collegio di Napoli (per i ricorsi dei clienti che hanno il domicilio nelle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia), una segnalazione corredata dalla seguente documentazione:

  1. Istanza dell'interessato, di carattere riservato, prodotta per mezzo di posta certificata e senza alcun contributo alle spese di procedura;
  2. invito rivolto dal Prefetto alla Banca di fornire una risposta argomentata sulla meritevolezza del credito entro 30 giorni, ovvero entro il diverso termine fissato dal Prefetto medesimo;
  3. risposta di cui al precedente punto 2 contenente le osservazioni della banca anche sugli eventuali rilievi formulati dal cliente o dal Prefetto;
  4. relazione del Prefetto, contenente l'oggetto del ricorso e l'esposizione delle ragioni per le quali ritiene necessario sottoporre la controversia all'ABF.

Qualora il prefetto intenda formulare richiesta o indicare fatti sui quali la Banca non ha potuto esprimersi nella risposta di cui al punto 3., il Prefetto acquisisce le relative controdeduzioni della Banca, le trasmette alla Segreteria Tecnica competente unitamente alla citata documentazione, tenendone conto nella redazione della propria relazione.
La segnalazione del Prefetto all'ABF, che dovra' essere inviata contestualmente anche all'interessato e alla banca, potra' essere effettuata entro 60 giorni successivi alla ricezione della domanda, anche in caso di mancata risposta di quest'ultima all'invito di cui al punto 2. entro il termine ivi menzionato.

.





| HOME | Bandi di gara | Avvisi pubblici | Esiti di gara | Graduatorie | Concorsi | Modulistica| Tributi | Servizi Demografici |
| Pubblica Istruzione | Commercio | Assistenza Sociale | Privacy |