AREA FINANZIARIA 

 Presentazione
 Organizzazione
 Orari
 Regolamenti
 Contatti

BILANCIO E CONTABILITA' 

 Documenti

PERSONALE

 Conto annuale

TRIBUTI 

Calcola
la tua IMU
 I.M.U.
 TASI
 TARI
 T.O.S.A.P.
 Pubblicita'
 Affissioni
 Irpef

Entrate
Extra Tributarie

 Acque Reflue
 Servizio Idrico

 





Imposta Municipale Unica (I.M.U.)

Il D.L. 6.12.2011, n.201 convertito nella legge 214 del 22.12.2011, a sua volta modificata dalla Legge 26.4.2012, n.44 ha introdotto in via sperimentale, a decorrere dal 1.1.2012, l'imposta Municipale Unica (I.M.U.).

L'IMU sostituisce l'I.C.I. e l'ici imposta sul reddito delle persone fisiche e addizionali dovute sui redditi fondiari relativi a beni non locati.

L'effetto di assorbimento dell'irpef non vale per gli immobili locati, per gli immobili strumentali e per gli immobili dei soggetti Ires.

Si riportano, qui di seguito, le informazioni necessarie a calcolare l'imposta dovuta:

PRESUPPOSTO DELL'IMPOSTA

Il presupposto dell'imposta e il possesso di immobili, quindi fabbricati, compresa l'abitazione principale, le pertinenze e i fabbricati rurali e aree edificabili.

Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unita' immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano e risiedono anagraficamente.
Ai sensi dell'art. 8 del Regolamento IMU :

  1. Si considera direttamente adibita ad abitazione principale l'unita' immobiliare posseduta a titolo di proprieta' o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulta locata.
  2. Si considera direttamente adibita ad abitazione principale l'unita' immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato a titolo di proprieta' o di usufrutto in Italia, a condizionie che non risulti locata.

Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un'unita' pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unita' ad uso abitativo.

SOGGETTI PASSIVI

I Soggetti passivi dell'IMU sono:

  • il proprietario di immobili, inclusi i terreni e le aree edificabili, a qualsiasi uso destinati, ivi compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio e' diretta l'attivita' dell'impresa
  • il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli immobili
  • Nel caso di concessione di aree demaniali il soggetto passivo e' il concessionario
  • Per gli immobili concessi in locazione finanziaria, soggetto passivo e' il locatario a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto.

IMU per l'abitazione principale nella quale il possessore dimora e risiede anagraficamente e pertinenze (una sola pertinenza per ciascuna categoria C/6, C/2 e C/7)

Aliquota di base

Confermata con Delibera di C.C. n.58 del 15/12/2016

Aliquota del 4 per mille


Detrazioni d'imposta stabilite dalla Legge per il pagamento dell'acconto

Euro 200,00 rapportati al periodo dell'anno durante il quale si protrae tale destinazione; la detrazione e' maggiorata di Euro 50,00 per ciascun figlio di eta' non superiore a ventisei anni, purche' dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell'unita' immobiliare adibita ad abitazione principale. L'importo complessivo della maggiorazione, al netto della detrazione di base, non puo' superare l'importo massimo di euro 400.

ANNO 2017 - CHI E' TENUTO A PAGARE, COSA E' STATO ABROGATO

Il Decreto Legge (DL 30 Novembre 2013, n. 133) conferma la cancellazione dell' IMU per le seguenti categorie di immobili:
  • abitazione principale e relative pertinenze (nella misura massima di un'unità per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6, C/7), esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;
  • unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli IACP o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP;
  • i terreni agricoli, nonché quelli non coltivati, di cui all'articolo 13, comma 5, del decreto-legge n. 201 del 2011, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola;
  • i fabbricati rurali ad uso strumentale di cui allarticolo 13, comma 8, del decreto-legge n. 201 del 2011.

Per i "Terreni agricoli" non vi e' stata abrogazione IMU, mentre e' confermata la cancellazione per i "Terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza".


IMU per tutti i casi diversi dall'abitazione principale e pertinenze

Aliquote confermate con delibera di C.C. n.58 del 15/12/2016

  • Aliquota del 8,6 per mille per tutti i fabbricati di diversi dalla categoria catastale D
  • Aliquota del 10,6 per mille per tutti gli immobili a destinazione produttiva appartenenti alla categoria catastale D
  • Aliquota del 2 per mille per i soli fabbricati rurali ad uso strumentale le cui caratteristiche sono stabilite dalla Legge.


Come calcolare la base imponibile

Fabbricati
Le aliquote si applicheranno, per i fabbricati, sul valore della rendita catastale come risulta dai certificati catastali aumentata del 5% (anche se di recente attribuzione), applicando poi i seguenti nuovi moltiplicatori per ottenere l'imponibile:

  • 160 per i fabbricati delle categorie catastali del gruppo A (escluso la cat. A/10) e per le cat. C/2, C/6 e C/7;
  • 140 per i fabbricati del gruppo catastale B e per le cat. C/3, C/4 e C/5;
  • 80 per i fabbricati della cat. A/10 e D/5;
  • 60 per i fabbricati del gruppo catastale D (esclusa la cat. D/5);
  • 55 per i fabbricati della cat. C/1.
Aree edificabili
Il valore delle aree edificabili e' costituito da quello venale in comune commercio determinato con riguardo alla zona di ubicazione, all'indice di edificabilita', alla destinazione d'uso consentita, agli oneri per eventuali lavori di adattamento, ai prezzi medi rilevati sul mercato.
Per visualizzare la delibera che stabilisce il valore commerciale dei terreni Clicca qui

Terreni agricoli
Il valore e' costituito da quello ottenuto dalla moltiplicazione dei seguenti fattori: reddito dominicale risultante in catasto, vigente al 1^ gennaio dell'anno d'imposizione, rivalutato del 25% moltiplicato per il coefficiente 135. Per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola il coefficiente da utilizzare come moltiplicatore e' 110.

Quando pagare

Per l'anno 2014, l'imposta dovuta e' versata in due rate di cui la prima, entro il 16 giugno, in misura pari al 50 per cento dell'imposta calcolata applicando l'aliquota approvata dal Comune e la seconda, entro il 16 dicembre, a saldo dell'imposta complessivamente dovuta per l'intero anno.

Non e' dovuto il pagamento Imu per i terreni agricoli e fabbricati rurali.

Come pagare

Il pagamento dell'IMU deve essere effettuato esclusivamente mediante modello F24 avendo cura di indicare il codice catastale del Comune di Carinaro che e' B779.
Si riportano, qui di seguito, i codici tributo da indicate nel Modello F24:

Codice tributoDescrizione Ente
3913Fabbricati rurali ad uso strumentaleComune
3914TerreniComune
3915TerreniStato
3916Aree edificabiliComune
3917Aree edificabiliStato
3918Altri fabbricatiComune
3919Altri fabbricatiStato
3925Immobili ad uso produttivo cat. DStato
3930Immobili ad uso produttivo cat. DIncremento Comune

Il versamento dell'imposta IMU 2017 deve essere cosi' ripartito:
  • Per gli altri fabbricati diversi dalla categoria D:
    • A favore del Comune l' 8,60 per mille,
    • A favore dello Stato 0 per mille
  • Per gli immobili ad uso produttivo (cat D)
    • Il 7,60 per mille a favore dello Stato
    • Il 3,00 per mille a favore del Comune.
I contribuenti interessati potranno effettuare il calcolo dell'IMU nonche' la stampa del Modello F24 accedendo al sito istituzionale del Comune e' Area finanziaria Sezione tributi dove trovera' l'apposito link Calcola la tua IMU.

Dichiarazione


Per l'anno 2015 la dichiarazione IMU va fatta ai sensi del D.L.35/2013 entro il 30/06/2016